Nina Zilli

NINA ZILLI

Maria Chiara Fraschetta, in arte Nina Zilli, nasce a Piacenza il 2 febbraio 1980. Cresciuta a Gossolengo, inizia ad esibirsi già in tenera età e già lascia intendere uno stile le cui influenze derivano direttamente dalle sonorità rock e punk degli anni settanta. Debutta in televisione come deejay di MTV e poi nel ruolo di co-conduttrice al fianco di Red Ronnie dell’ultima edizione di Roxy Bar, su TMC2. Nel 2009 con il nome d’arte, che combina il nome della sua cantante preferita Nina Simone, con il cognome della madre, firma il contratto con la Universal e pubblica il suo primo EP omonimo: “Nina Zilli”. Il singolo estivo “50mila”, eseguito in coppia con Giuliano Palma, ottiene un buon successo radiofonico e successivamente viene incluso nella colonna sonora del film “Mine vaganti” di Ferzan Ozpetek, nonché nel videogioco Pro Evolution Soccer 2011, insieme all’altro suo pezzo, “L’inferno”.Rivelazione nella categoria “Nuova Generazione” Festival di Sanremo 2010 con il brano “L’uomo che amava le donne”, raggiunge la finale e la canzone risulta vincitrice del Premio della Critica “Mia Martini”; da lì, inizia una proficua carriera come solista che la porta a calcare la scena nazionale ed internazionale approdando anche all’Eurovision Song Contest nel 2012, rappresentando l’Italia.