Condividi su:

Storico leader di Rifondazione Comunista, nasce il 22 marzo 1940 a Sesto San Giovanni (MI).

La sua attività politica comincia nel 1964 quando entra nella Cgil e diventa il segretario della locale Federazione italiana degli operai tessili (l’allora Fiot).

Nel 1972 si iscrive al Partito comunista italiano, schierandosi con la corrente di Pietro Ingrao. Dopo una breve parentesi nel Partito socialista italiano, si trasferisce a Torino e diventa segretario regionale della Cgil (1975-1985).

Nel 1985 viene eletto nella segreteria nazionale della Cgil, seguendo prima la politica industriale e quindi il mercato del lavoro. Nove anni dopo lascia l’incarico per entrare nel Partito della Rifondazione comunista. Il 23 gennaio del 1994 diventa segretario nazionale del Prc, e sempre nello stesso anno è eletto deputato italiano ed europeo. Il terzo congresso del Prc prima, (dicembre 1996) e il quarto poi, (marzo 1999) confermano Bertinotti segretario nazionale.

Nel giugno 1999 è rieletto deputato europeo. Dopo le elezioni politiche del 2006 vinte dal centro sinistra, viene nominato Presidente della Camera dei Deputati. Nel 2008 Bertinotti annuncia il suo ritiro da incarichi di direzione politica. Bertinotti è autore di alcuni saggi, tesi ad esporre il suo pensiero. Tra i libri pubblicati citiamo: “La camera dei lavori” (Ediesse); “Verso la democrazia autoritaria” (Datanews); “Tutti i colori del rosso” e “Le due sinistre” (entrambi Sperling &Kupfer).