Il Festival della Parola nasce nel 2014 da un’idea di Helena Molinari, autrice e conduttrice radiofonica. Promosso dal Comune di Chiavari e prodotto dall’Associazione Le Muse Novae

il Festival della Parola si articola in quattro giorni nei quali scandagliare il concetto stesso di parola a 360° attraverso incontri, laboratori, spettacoli musicali e teatrali, conferenze, mostre, presentazioni di libri per raccontare il materiale più duttile fra quelli che caratterizzano l’esistenza umana. Perché la parola ci rappresenta, dà voce alle nostre emozioni e ci spinge a capire. Quattro giorni nei quali, in location insolite o tradizionali, si alternano giornalisti, scrittori, musicisti, attori, studiosi, religiosi per parlare di parole. Un festival che propone eventi ispirati alle questioni più attuali, alle ricorrenze, ai personaggi, per raccontare la Parola in modo innovativo e coinvolgente, con eventi interattivi e trasversali.

Molti gli ospiti che hanno preso parte alle otto edizioni del festival , ricordiamo: Francesco De Gregori, Ligabue, Roberto Vecchioni, Samuele Bersani, Enrico Ruggieri, Paola Gassman, Morgan, Vittorio Sgarbi, Cristiano De Andrè, Marco Travaglio, Peppe Servillo, Francesco Pannofino, Neri Marcorè, Simone Cristicchi, Paolo Mieli, Ezio Mauro, Fausto Bertinotti, Flavio Insinna, Giampiero Mughini, Saturnino, Ferruccio De Bortoli, Salvo Sottile, Massimo Bernardini, Mario Luzzatto Fegiz, Piergiorgio Odifreddi, Claudio Koll,Shel Shapiro, Federico Rampini, Moni Ovadia, Dario Vergassola, Pupi Avati, Vittorio Sgarbi, Corrado Augias, Pacifico, Nada, Mario Tozzi e molti altri.

Dall’edizione 2021, è stato istituito il Premio Ambasciatore della Parola destinato a personalità che si siano sapute distinguere in ambito culturale, artistico o scientifico.
I candidati saranno scelti tra chi, nel corso degli anni, abbia dimostrato di essere dotato di una non comune capacità espressiva e divulgativa, caratterizzando il proprio lavoro con una particolare cifra espressiva e attenzione alla realtà.
Il Premio “Ambasciatore della Parola” é assegnato da un comitato scientifico presieduto dal giornalista Massimo Poggini, di cui fanno parte anche i giornalisti : Massimo Cotto, Pierluigi Senatore, Emilio Targia e Marinella Venegoni.

Ogni anno il festival segue un fil rouge tracciato dalla scelta della parola “chiave”. L’edizione 2022 sarà dedicata alla parola OSTINAZIONE.

La parola Ostinazione è sembrata la scelta più giusta e provocatoria che si potesse fare alla luce di ciò che è stato vissuto in questi ultimi anni e che questa nuova guerra in corso ha rimbalzato negli animi, in specie dei più giovani, usurpandoli di sogni e possibilità, infossandoli e “virtualizzandoli” oltremisura.

Si intende per Ostinazione l’accezione sua più positiva del termine, una bella ostinazione! Quella che si fa carne, come fu per un Falcone o per Borsellino, per chiunque non si arrenda, perseguendo un ideale identitario e universale di bene.

ENTI PATROCINATORI:

Ministero dei Beni Culturali
Regione Liguria
Rai
Anci
Città Metropolitana di Genova
Università degli Studi di Genova