Condividi su:

di Alessandro Agazzi e Lorenzo Sanguineti

Gli studenti dell’Istituto G.B. Caboto recitano Le avventure di Firolò

Nel pomeriggio di giovedì 31 maggio nella suggestiva cornice del parco di Villa Rocca è stata messa in scena dagli attori dell’Istituto G.B. Caboto di Chiavari la prima parte della fiaba Le avventure di Firolò, della scrittrice chiavarese Francesca Dadri.

Attraverso un procedimento che potremmo definire “metateatrale” i protagonisti delle fiabe più famose, delusi dallo scarso interesse che viene mostrato nei loro confronti da parte degli adulti, decidono di uscire dal cosiddetto “mondo delle favole” e addentrarsi nella vita reale, per incitare i grandi a leggere ai più piccoli i loro stessi racconti. In questo modo gli eroi del mondo della fantasia, guidati da Firolò, il personaggio principale dell’intera vicenda, diventano essi stessi autori di favole di diverso tipo e con un messaggio morale ben preciso, rivolto a un pubblico composto non solo di bambini. Firolò riuscirà nel suo sforzo e i personaggi delle fiabe faranno in modo che le storie da loro rappresentate vengano trasmesse ai bambini.

Ieri è stata proposta al pubblico di Villa Rocca la prima parte, quella in cui il protagonista sceglie di addentrarsi nella vita vera, dopo aver constato il grave errore degli adulti disattenti che non dedicano più tempo alla narrazione di storie. Ecco allora entrare in scena, oltre al protagonista Firolò, anche i tipici e immancabili personaggi di una fiaba che si rispetti: lo gnomo, la strega, il re, il drago, la regina, la principessa.

Nei pomeriggi successivi al 31 verranno proposte, sempre all’interno del parco di Villa Rocca, le ultime due parti, quella in cui Firolò interagirà con i distratti genitori e il gran finale col successo del protagonista che vedrà finalmente i grandi raccontare fiabe ai bambini.

L’intero spettacolo sarà messo in scena dagli attori dell’Istituto Caboto venerdì 8 giugno a Chiavari e si auspica la più grande partecipazione, non solo dei più piccoli.