Condividi su:

di Sara Defranchi – 4^E

Giovedì 31 Maggio alcuni studenti del Liceo Marconi Delpino hanno presentato, presso la Società Economica, l’esperienza dei Colloqui Fiorentini, esponendo ai presenti il loro percorso d’incontro con il poeta protagonista della 17esima edizione, Eugenio Montale.

Attraverso la lettura personale e l’interpretazione delle poesie dell’autore, hanno presentato le tesine realizzate per il convegno tenutosi a Firenze dal 22 al 24 Febbraio 2018.

Il lavoro che hanno affrontato ha portato i ragazzi ad un approccio particolare con l’autore, che hanno approfondito cercando di coglierne i pensieri più profondi, i motivi di tale genio, le sue impressioni e considerazioni sul mondo circostante. La curiosità di capire cosa il poeta intendesse nei suoi versi, che cosa vedesse che loro non erano capaci di cogliere ha portato gli studenti ad una ricerca e ad un’analisi da cui non hanno solo appreso informazioni sull’autore e sul suo periodo storico, ma da cui hanno tratto soprattutto insegnamenti e forti emozioni, che hanno cambiato il loro modo di guardare alla realtà e il significato che le avevano fino ad allora attribuito.

Le poesie analizzate hanno presentato una chiave di lettura particolare, offrendo la possibilità di analizzare la condizione esistenziale di ogni uomo e il mondo che lo circonda non solo attraverso un punto di vista personale ma anche, e soprattutto, attraverso gli occhi dell’autore, capaci di scorgere cose di cui magari non ci si era mai accorti prima.

A portare a conclusione l’incontro è stato un video riassuntivo dei 3 giorni trascorsi a Firenze insieme a centinaia di ragazzi con cui condividevano la stessa ricerca tra le poesie di Montale. Nelle lezioni e nei seminari pomeridiani gli studenti hanno poi avuto la possibilità di discutere e riflettere sulle diverse conclusioni raggiunte.

Ascoltare le diverse idee ed esperienze degli studenti è stato un modo interessante per scoprire i diversi punti di vista e metodi di approccio con cui ognuno può affrontare una particolare poesia. Al di là della preparazione scolastica, a emergere dal loro racconto è stata la passione con la quale hanno sostenuto l’incontro e la gioia nel rivivere quell’esperienza ormai per loro conclusa.