10“Il segreto dell’alchimista” è il terzo volume della trilogia di romanzi storici “Tabarchina” di Pier Guido Quartero. E’ una storia autonoma e allo stesso tempo prosecuzione degli altri due romanzi ambientati nei secoli precedenti, raccontata sapientemente, in modo sapido e caratterizzata da una semplicità mai banale e sempre bene accetta.

Pier Guido Quartero, rinomato scrittore genovese, da diversi anni si dedica alla scrittura di romanzi; frequente sfondo delle sue trame è la città di Genova e i suoi dintorni, sia nei tempi attuali ma sopratutto quelli antichi come in questo libro.

Il romanzo conclude le vicende della famiglia Pittaluga che si sviluppano sullo sfondo dell’epopea della comunità pegliese e ligure che per due secoli, dal 1500 al 1700 circa, visse e prosperò pescando corallo e tonno e dedicandosi ai commerci sull’isola di Tabarca.

Nel 1741, anno in cui si svolge il romanzo, l’equilibrio delle potenze europee da Genova e gli altri principali paesi meditteranei si sposta ai paesi atlantici, più in conttato con l’America; nel frattempo lo sviluppo dell’Illuminismo spiana il terreno per la Rivoluzione Francese e per la nascita del mondo contemporaneo.

Il protagonista del romanzo, Enrico “Richetto” Pittaluga, costretto ad abbandonare l’isola con la sua famiglia dopo l’occupazione francese dei Maghrebini, viene a sapere che l’argento trovato dai suoi antenati, vicenda narrata nei volumi precedenti, era solo una parte del tesoro nascosto che costituisce “il segreto dell’achimista”.